IN CLASSE, PARLIAMO INSIEME DI...

EPIDEMIE E PANDEMIE| EMOTIVITÀ E SESSUALITÀ| IPERCONNESSIONE E VIDEOGIOCHI| AUTOSTIMA: "NON MI PIACCIO"

Il format del programma TV “Le cose che… nessuno ha il coraggio di dirti prima dei 10 anni” arriva anche a scuola per supportare te docente nel dialogo con i tuoi alunni a proposito di grandi temi d’attualità come epidemie e pandemie, emotività e sessualità, iperconnessione e videogiochi, autostima: "Non mi piaccio".

La serie, firmata dallo psicoterapeuta Alberto Pellai e dalla psicopedagogista Barbara Tamborini, nasce proprio per affrontare le domande che tutti i bambini si fanno ma a cui non sempre gli adulti riescono a dare una risposta.

Un approccio che oggi DeAKids sceglie di portare anche a scuola per aiutare le nuove generazioni ad essere sempre più consapevoli di ciò che succede nel mondo, in un momento storico in cui tutto sta cambiando ancora più velocemente.

Per raggiungere questo ambizioso obiettivo, il percorso si rivolge alle classi III, IV e V della scuola primaria con materiali didattici dedicati e un contest che apre ai bambini la co-creazione di due nuove puntate e, alle scuole, la possibilità di ricevere due buoni spesa in materiale tecnologico da 1.000€.

Per partecipare, basta iscriversi con le proprie classi. Ti aspettiamo!

SEI UN DOCENTE DI III, IV E V DELLA SCUOLA PRIMARIA?

ACCEDI

SEGUICI, PASSO DOPO PASSO!

1. SCARICA IL KIT

Epidemie e pandemie, emotività e sessualità, iperconnessione e videogiochi, autostima: "Non mi piaccio": 4 argomenti diversi in 4 pratiche dispense e relativi approfondimenti disponibili in download nella tua area riservata.

2. PORTA IN CLASSE IL PROGETTO

Approfondisci uno o più argomenti proiettando in classe le dispense e usando gli approfondimenti come traccia per stimolare il dialogo e il confronto con i tuoi alunni.

3. SUGGERITE UN NUOVO ARGOMENTO

Di cosa vorreste che si parlasse in una delle prossime puntate? Raccontatelo con la foto di un cartellone su cui, con disegni e parole chiave, avrete rappresentato il tema da voi scelto e un breve testo che spiega il perché.

SEI UN DOCENTE DI III, IV E V DELLA SCUOLA PRIMARIA?

ACCEDI